Samsung non rallenta gli smartphone con gli aggiornamenti

Samsung nega ogni accusa e afferma che la sua intenzione non è affatto quella di rallentare gli smartphone in seguito agli aggiornamenti. Secondo la casa produttrice coreana, le indagini condotte dall’Antitrust italiana non avrebbero motivo di esistere.
Samsung

Nega ogni accusa di politica commerciale scorretta nell’ambito del recente scandalo che ha coinvolto anche la stessa Apple. Non ci sarebbe, quindi, nessun rallentamento sospetto dei device di produzione coreana, che farebbe pensare ad un modo di procedere inammissibile, soltanto con il fine di aumentare le vendite dei prodotti tecnologici.

Da questo punto di vista Samsung è stata molto chiara e anzi la casa produttrice ha detto di essere disponibile a collaborare con le autorità per dimostrare l’infondatezza di ogni accusa che viene rivolta nei suoi confronti.

L’azienda tecnologica coreana ribadisce a chiare lettere che con gli aggiornamenti software non vengono ridotte le prestazioni del prodotto e che questo può rimanere intatto nel corso del suo ciclo di vita. Atteggiamento completamente diverso rispetto a quello portato avanti da Apple, che ha detto esplicitamente di rilasciare aggiornamenti che rallentano i prodotti tecnologici.

Apple si è difesa prospettando la necessità di evitare instabilità nei device che basano il loro funzionamento su batterie ormai usurate dal tempo. Quale sarà la verità? In effetti non è possibile affermare niente con sicurezza, anche perché le segnalazioni da parte degli utenti ci sono state e sono stati proprio questi casi segnalati a portare allo sviluppo dell’indagine.

Di certo nel mercato del mobile le case produttrice dovranno stare molto attente a non deludere gli utenti, che possono contare su una concorrenza enorme e quindi su possibilità di scelta molto vaste.