OnePlus 6 presenterebbe una vulnerabilità in grado di eludere il blocco del bootloader. Sicuramente la scoperta di questa vulnerabilità avrà molto seguito di polemiche, perché adesso non tutti sono completamente sicuri della sicurezza del device. L’autore della scoperta, che è rimbalzata sui social a livello internazionale, ha spiegato il tutto tramite un tweet, che riporta anche un video dimostrativo.
OnePlus 6

Nel filmato viene mostrato OnePlus 6 con bootloader bloccato. Si vede poi come il dispositivo possa essere avviato in maniera molto facile attraverso un’immagine di sistema, in modalità fast boot.

Addirittura, dopo l’avvio dello smartphone, è possibile acquisire i permessi di root sul device. Davvero incredibile come ciò possa accadere in maniera così semplice. Molti utenti si dicono preoccupati, perché una persona malintenzionata potrebbe prendere il controllo del dispositivo per qualsiasi uso.

La scoperta della vulnerabilità è già giunta al team di OnePlus, in particolare alla squadra di operatori che si occupa della sicurezza. Per questo l’azienda cinese ha deciso di diffondere un comunicato ufficiale in risposta a quanti l’hanno criticata.

OnePlus ha dichiarato di considerare la sicurezza dei suoi prodotti un tema molto importante. Proprio per questo ha spiegato che gli sviluppatori sono al lavoro per cercare di risolvere il problema evidenziato.

Non poteva essere altrimenti, visto che l’azienda produttrice non vuole affatto deludere tutti coloro che hanno riposto la fiducia in OnePlus 6, scegliendolo come proprio smartphone. Proprio per questo motivo adesso sono in molti che si aspettano il rilascio di un fix attraverso un aggiornamento software. Sarebbe l’unico modo per far dormire sonni tranquilli a chi ha acquistato lo smartphone in questione.