Facebook sembra aver avuto un altro problema con la privacy. Dopo le recenti polemiche che hanno seguito alla vicenda dell’accesso non autorizzato ai dati personali degli utenti, adesso viene fuori un’altra questione che riguarderebbe un bug nelle impostazioni relative proprio alla privacy.
Facebook privacy post

Nel mese di maggio Facebook sarebbe stato interessato da un bug che avrebbe colpito 14 milioni di persone. Nonostante molti utenti del popolare social network abbiano adottato delle misure più stringenti riguardo alla pubblicazione dei loro aggiornamenti di stato, questi ultimi sarebbero stati pubblicati lo stesso ad ampia diffusione.

Secondo le numerose fonti che insistono sulla questione, il bug avrebbe agito nel periodo compreso tra il 18 e il 22 maggio. Poi i responsabili di Facebook avrebbero risolto tutto il 27 maggio.

Sulla vicenda è intervenuto anche il CPO di Facebook, comunicando la realtà dei fatti accaduti e la risoluzione del problema. Il CPO si è scusato anche per l’inconveniente. Il bug sarebbe stato spiegato sulla base del fatto che il social network stava lavorando ad una nuova funzionalità per evidenziare alcuni post personali.

Durante l’implementazione della nuova funzionalità, inavvertitamente sarebbero stati resi pubblici alcuni dati. I responsabili della rete sociale stanno anche provvedendo ad informare gli utenti che potenzialmente sono stati colpiti dal bug, fornendo loro una pagina sulla quale sono stati raccolti tutti i post coinvolti.

I contenuti in oggetto potrebbero essere stati resi visibili a tutti gli utenti del social network, andando al di là dei confini degli amici virtuali. Anche questa questione è destinata a suscitare parecchie polemiche.