Recensione Samsung Galaxy Star GT-S5280

Il Samsung Galaxy Star S5280 è uno smartphone appartenente al segmento medio-basso del mercato, molto piccolo, moderno e compatto. Il suo display da 3 pollici (262k colori a 320×240 pixel) è un ottimo compromesso tra maneggevolezza ed uso quotidiano. Le dimensioni del dispositivo sono nella norma per quanto riguarda gli smartphone che hanno uno schermo di questa diagonale: 105 millimetri di altezza, 60 di larghezza e 12 di spessore. Il peso, contenuto, si aggira intorno all’etto.

Appartenente alla ormai nota famiglia Galaxy della Samsung, il che ci indica che questo telefono è uno smartphone, lo Star ha con se praticamente tutto l’essenziale per rientrare nella categoria. Le sue funzioni di base, oltre all’utilizzo della parte telefonica e di messaggistica, sono la navigazione in internet, scattare foto o registrare video e chattare con i propri amici attraverso le più comuni applicazioni social e di messaggistica (come Whatsapp) via internet. La rete telefonica opera su linea Quadband GSM, ma il principale neo del dispositivo è l’assenza della connettività 3G. Questa mancanza fa si che nonostante lo smartphone sia nel complesso molto fluido e reattivo, venga penalizzata enormemente l’esperienza di navigazione dell’utente sul Web. Per fortuna la connettività in Wi-Fi è presente,  questo permette di sfruttare la parte hardware al massimo per la navigazione in internet. Lo Star S5280 porta con se infatti un processore da 1 Ghz, anche se ad un solo core. La quantità di RAM disponibile è nella norma, 512 MB.

Galaxy Star GT-s5280

La versione di Android che gira su questo dispositivo è la 4.1.2, anche se non si hanno notizie di upgrade futuri. Chiudono le caratteristiche hardware la presenza della porta microUSB, utilizzata anche per la carica del dispositivo, e il modulo Bluetooth 4.0. La vera nota positiva di questo dispositivo è la forma, molto compatta e raccolta, che lo rende comodamente trasportabile anche in un taschino. Il display touchscreen è capacitivo, anche se per risoluzione e diagonale si può affermare che sia un display senza infamia nè lode. La colorazione bianca, ormai affiancante sempre quella classica nera per quanto riguarda i Galaxy, è parsa adatta al dispositivo.

La fotocamera posteriore ha solo 2 megapixel. Non troppo elevata di qualità, ma comunque poco scattosa e più fluida rispetto alle concorrenti, consente anche di girare video QVGA e, tenuto conto del prezzo finale del dispositivo, si può dire sia adeguata. La fotocamera frontale invece, non è presente, così come il sensore GPS. L’audio in ricezione ci è sembrato sempre molto chiaro e distinto, a volte anche meglio anche di altri smartphone che appartengono ad una fascia di mercato più alta. Anche il microfono fa il suo dovere, eliminando parecchi rumori di sottofondo.

 

Ovviamente sono già caricate sul dispositivo tutte le principali applicazioni Google, come Google Search, lo store Google Play e molte altre ancora. Oltre allo store ufficiale di Android, per scaricare applicazioni è anche possibile accedere a Samsung Apps, il market di casa. Risultano anche precaricate le applicazioni dei social network più famosi e di YouTube Samsung ha introdotto lievi modifiche della sua interfaccia sullo Star S5280, rendendo ancora più intuitive alcune interazioni tra l’utente e lo smartphone. La memoria interna di base è di ben 4GB (molto di più rispetto ai diretti rivali) ed è possibile espanderla con una mircoSD di capacità fino a 32 GB. La batteria è nella norma per questo genere di smartphone, una LiIon capace di garantire fino a 1200 mAh di intensità di corrente. La durata con un utilizzo medio dello smartphone è di un giorno abbondante, quasi due.

Leave a Reply