Le migliori alternative a Google Play per scaricare gratis le app

Se siete alla ricerca di applicazioni per il vostro smartphone Android ma Google Play Store non vi soddisfa, vi consigliamo la lettura di questo articolo all’interno del quale vi mostreremo quelle che (secondo noi) sono le migliori alternative, che vi permetteranno dunque di risparmiare tempo utile nelle ricerche, con risultati più pertinenti.

Ma perchè cercare alternative a Google Play?
Perchè per quanto possa essere completo ha delle regole piuttosto restrittive che escludono molte app che invece potrebbero essere molto interessanti, come quelle create con App Inventor o i modding non ufficiali.

E’ possibile che alcuni di questi tools siano in lingua inglese, ma la struttura di funzionamento è talmente semplice ed intuitiva che siamo sicuri capirete in un attimo come destreggiarvi nel migliore dei modi. Inoltre alcuni sono solamente dei semplici siti internet, altre sono disponibili anche sotto forma di app da installare nel vostro terminale.

Il market Android di Google…

 

Google Play

Iniziamo il nostro percorso parlandovi di quello che come avrete capito dal nome, si tratta proprio del Google Market, e come tale viene implementato di default in tutti gli smartphone Android. Motore di ricerca che grazie ad un sistema di catalogazione intelligente dei programmi, vi consentirà di individuare nel minor tempo possibile le soluzioni adatte alle vostre esigenze. Infatti gli utenti non solo avranno la possibilità di ricercare le app appartenenti a categorie specifiche, oppure in base alle recensioni degli utenti, ma avranno anche modo di distinguere le applicazioni del play store gratis da quelle a pagamento o da quelle che hanno il download gratuito ma presentano successivamente degli acquisti in-app. La peculiarità di questo market è che potrete utilizzarlo anche come servizio di cloud delle canzoni, degli ebook e delle app, per renderli liberamente accessibili da qualunque terminale tramite il vostro account, che potrete collegarlo anche ad altri servizi di Google stesso.

 

 …Le alternative

———-

Amazon Undergound

amazon undergound market

Amazon Underground permette di scaricare gratuitamente app distribuite solitamente a pagamento su Google Play, ma lo fa in modo completamente legale, includendo talvolta anche gli acquisti in-app (per avere quindi un app al 100% free).

Amazon Underground è a tutti gli effetti uno store alternativo, dove tutto costa zero. Si può scaricare dalla pagina dedicata del sito Amazon, e una volta inserita sul dispositivo Android si possono scaricare le singole app.

La differenza con Google Play è che per usare le app è necessario essere connessi ad internet, perché mentre le usiamo verranno mostrati degli annunci pubblicitari. Questi annunci sono gestiti da Amazon in accordo con gli sviluppatori delle applicazioni, che pertanto non perdono nulla; piuttosto guadagnano in un modo diverso rispetto a Google Play. Se sul primo, infatti, un download porta (ad esempio) 5 euro nelle tasche degli sviluppatori, su Amazon Underground i soldi arrivano per ogni minuto di utilizzo dell’app da parte degli utenti che vedono le pubblicità.

E’ per questo motivo che Amazon Underground è gratis: le app sono solamente quelle più famose (quindi non tutte le app che sono su Play Store sono anche su Underground) ma gli sviluppatori aderiscono volontariamente a questo sistema sperando che, se gli utenti passeranno tanto tempo sulle loro app, alla fine ci avranno guadagnato di più.

Per questo, se avete installato lo store sul vostro dispositivo Android, prima di scaricare un’app da Play Store pagando potete entrare in Amazon Underground e provare l’applicazione: se vi piace potete sia continuare ad usarla, così come tornare su Google Play e pagarla, qualora gli annunci pubblicitari vi dessero fastidio.
Da notare che alcune app si trovano su Underground solo in prova, e potrebbero essere rimosse successivamente per volere degli sviluppatori che potrebbero voler lasciare l’app unicamente su Google Play.

 

AndroLib

Strumento (sempre in italiano) dotato da una grafica semplice e minimale, ma che non deve trarre in inganno, perchè si tratta in realtà di un efficiente market in realtà molto simile ad AppBrain, con divisione in categorie delle applicazioni, classifica giornaliera delle app più scaricate, ed applicazioni correlate. Una caratteristica importante di questo sito è che raccoglie tramite un forum tutti i commenti ed i feeback emessi dagli utenti, che hanno avuto modo di provare le applicazioni, in modo tale da fornire un’ulteriore strumento di valutazione al navigatore, che potrà individuare più facilmente l’applicazione che meglio si adatta alle proprie esigenze. Per cui questa si tratta di una vera e propria community, non solo di un semplice market.

 

AppBrain

Parliamo ora del tool AppBrain, un’interessante risorsa che organizza molto bene le applicazioni. Oltre alla consueta suddivisione in categorie, potrete filtrare quelle gratis da quelle a pagamento, ma anche di accedere ad una vasta gamma di informazioni riguardanti il traffico degli altri utenti in relazione alle applicazioni stesse, come ad esempio l’applicazione del giorno, quella più scaricata nel corso della settimana e le migliori di sempre. Inoltre questo strumento ha una migliore gestione dell’account rispetto a Google Play, mostrando molte più informazioni su ciascuna app che avete installato.

 

Android Zoom

La stragrande maggioranza delle applicazioni contenute all’interno di questo portale sono accessibili in maniera completamente gratuita, e sono scaricabili attraverso il codice QR che rende più semplice e immediato il download, pertanto è necessario utilizzare un computer in abbinamento al vostro smartphone (o tablet) Android, per inquadrare il codice con la fotocamera. All’interno del portale potrete inoltre trovare un link attraverso il quale potrete scaricare il lettore necessario. Le app sono ben divise in: migliori applicazioni del giorno, quelle più votate dagli utenti e quelle più scaricate, oltre alla consueta suddivisione per categorie.Inoltre sono presentate in maniera molto dettagliata con i dettagli, screenshot, video e commenti degli utenti. E’ presente anche un blog e una sezione con le recensioni (in inglese) delle applicazioni.

 

AppStoreHQ

L’aspetto estetico di questo sito (l’unico totalmente in inglese) è sicuramente molto più appetibile rispetto a quello che abbiamo appena descritto. Dal punto di vista prettamente tecnico AppStoreHQsi differenzia molto dagli altri, infatti fornisce ai visitatori informazioni statistiche sulle app più discusse nel web o quelle più tweetate, sicuramente un medoto di catalogare molto originale. Ovviamente troviamo le solite categorie, immagini di anteprima delle applicazioni, codici QR contenenti le informazioni delle app stesse, link per il download, e molto altro ancora. Altra caratteristica interessante sono le recensioni delle applicazioni scritte direttamente dallo staff.

 

 

1Mobile Market

Se siete degli amanti del tutto aggratis questo è sicuramente il market che fa’ per voi! Attualmente sono presenti ben 300.000 app tutte rigorosamente gratuite al 100%! Infatti sono assenti anche quelle Freemium (ossia inizialmente gratuite e successivamente a pagamento) per cui avrete la sicurezza di non spendere mai nemmeno 1 centesimo! Altra caratteristica interessante è il minuzioso e maniacale controllo antivirus fatto da parte dello staff per ogni singolo software, questo per evitare i frequenti malware che in passato hanno invaso lo store ufficiale di Google. Non da meno anche la possibilità di far girare le applicazioni su un computer desktop con Windows installato, al fine di testarle prima di riempire “inutilmente” la memoria del vostro smartphone/tablet.

 

20 Comments

  1. Chuco1978 11 dicembre 2012
    • Amministratore 13 dicembre 2012
      • Rete 17 settembre 2015
    • Dario 14 dicembre 2012
      • Dario 14 dicembre 2012
  2. ciccina 19 febbraio 2013
    • Dario Scarano 19 febbraio 2013
    • antonio 15 maggio 2015
  3. Simone 27 giugno 2013
  4. daniela 10 novembre 2013
    • Daniele 21 gennaio 2014
  5. Nina 23 dicembre 2013
    • Dario Scarano 26 dicembre 2013
  6. anna 12 luglio 2014
  7. Marica Panunzio 24 settembre 2014
  8. Mimi 2 dicembre 2014
  9. andrea 24 febbraio 2015
    • Dario Scarano 25 febbraio 2015
  10. Evelin 26 maggio 2015
    • Dario Scarano 29 maggio 2015

Leave a Reply