I 5 migliori antivirus gratis per Android

Se qualche anno fa i virus erano solamente un problema relativo ai computer, adesso le cose si sono modificate, in linea con i cambiamenti del mercato digitale. Il sistema operativo più diffuso al mondo per gli smartphone è Android, in cui i virus, specialmente quando si scaricano app poco sicure, purtroppo abbondano.

E’ per questo motivo che in questo articolo abbiamo voluto recensire i migliori antivirus gratis per Android. Non è stato un lavoro affatto facile: abbiamo testato a fondo i cinque antivirus recensiti per valutarne le funzionalità, ma ci siamo avvalsi anche dei test effettuati da società di sicurezza informatica, come Tom’s Guide ed AVTest, che sono aziende indipendenti che testano la sicurezza dei sistemi e dei software di protezione.

Grazie ai nostri test e anche al loro lavoro, siamo riusciti a stilare una classifica dei migliori antivirus Android, e qui sotto potete leggere i risultati, capendo così quale sia l’antivirus migliore per il vostro smartphone.

Andiamo quindi a vedere quali sono i migliori antivirus gratuiti da utilizzare con Android. Prima pero’ è necessaria una precisazione.

Alcuni software potrebbero essere gratuiti per un periodo di prova, noi li abbiamo inclusi lo stesso perchè spesso vengono installati quendo il proprio smartphone presenta dei problemi particolari, per cui in tale periodo queste app permettono di sfruttare le loro potenzialità al 100%, pertanto le si possono installare, fare una scansione completa del proprio smartphone, eventualmente ripulirlo dalle minacce trovate e poi eliminarli.

BitDefender Mobile Security & Antivirus: il più attento alla privacy

Link: Scarica Antivirus BitDefender

bitdefender

Nelle due classifiche che abbiamo citato, BitDefender è risultata l’azienda produttrice di antivirus per computer migliore tra quelle analizzate da Tom’s Guide, mentre in AVTest, che non fa una classifica ma da un punteggio, ha ottenuto il massimo sia in sicurezza che in semplicità di utilizzo, il che lo rende uno dei migliori antivirus per Android tra quelli disponibili.

Diciamolo subito: si tratta di un antivirus gratis, ma solo in versione demo. La versione di prova dura infatti solamente 14 giorni, dopo i quali bisogna pagare per continuare ad utilizzarlo come prima; in ogni caso, per le settimane di prova possiamo utilizzarlo in tutte le sue funzioni, e non ci troveremo mai davanti la fastidiosissima pubblicità, perché l’azienda non si finanzia in questo modo.

La funzione principale, naturalmente, è quella di antivirus, che cerca nel dispositivo Android i malware che di solito si trovano nelle applicazioni piratate. Per questo, l’antivirus esegue la scansione in due momenti: subito dopo l’installazione di una nuova app, in background, per verificare l’eventuale presenza di minacce, e manualmente nel momento in cui preferiamo. In questo modo, visto che i malware di solito entrano tramite installazione, saremo sicuri di essere quasi sempre protetti dalle minacce, senza appesantire però il telefono con scansioni continue.

Ho detto “quasi” volutamente: infatti, a volte i virus per Android arrivano anche tramite allegati, magari ad un messaggio, e in questo caso la scansione deve essere manuale, perché il telefono smetterebbe di funzionare se ogni volta che riceviamo un allegato (una foto di Whatsapp, ad esempio) partisse una scansione. Ovviamente.

Sui dati di sicurezza e la percentuale di individuazione dei malware dobbiamo fidarci delle aziende che se ne intendono, perché non abbiamo le competenze specifiche per poter eseguire dei test, ma se ci fidiamo possiamo bollare BitDefender come uno degli antivirus migliori tra quelli al momento disponibili per Android.

Anche la navigazione in internet viene resa sicura: infatti BitDefender scansiona le varie pagine web per scoprire eventuali codici malevoli, che blocca sia che stiamo utilizzando Google Chrome che il browser standard di Android, avvertendoci del rischio che si corre.

Per il resto, BitDefender ci mette a disposizione anche un’altra serie di funzioni utili.

Una di queste è Privacy Sicura, che funziona tramite notifiche monitorando i dati che le app scambiano con la rete senza autorizzazione. Attivando questa funzione, in pratica, ogni volta che un’app che non abbiamo autorizzato (in fase di installazione) a scambiare dati online (ad esempio, non Whatsapp perché la autorizziamo dal momento in cui la scarichiamo) verremo avvertiti con una notifica, e potremo sapere precisamente com’è la situazione in quel momento: se notiamo che da un’app arrivano un po’ troppi avvertimenti e non hanno senso (ad esempio, un gioco offline che si collega ad internet quando vuole!) sapremo che forse è il caso di cancellarla.

Altre funzioni utili sono quelle del Blocco Applicazioni, dello sblocco rapido e dello scatto delle foto agli intrusi: sono tre funzioni che vanno a braccetto; la prima ha la funzione di bloccare con un PIN le applicazioni su cui condividiamo dati personali (ad esempio, le app di messaggistica); la seconda toglie il PIN quando ci troviamo sotto una connessione sicura, come quella di casa o dell’ufficio, così da evitare che si debba inserire ogni volta; la terza, invece, se la attiviamo scatta una foto ogni volta che qualcuno sbaglia ad inserire il PIN, così potremo sapere chi è. A questo va ad aggiungersi anche la geolocalizzazione e il blocco del telefono, sempre se qualcuno cerca di entrare senza permesso. Addirittura, se vogliamo, possiamo attivare una funzione che resetta il telefono Android qualora qualcuno cercasse di entrare nei nostri dati: è una soluzione drastica, è vero, ma se sul telefono si hanno dati così delicati da richiedere una misura del genere, è bene sapere che c’è.

Si tratta di un antivirus di qualità, forse il migliore tra quelli disponibili per Android, anche se la qualità si paga e bisogna stipulare l’abbonamento. Tuttavia, specie per chi sul dispositivo conserva dati di lavoro importanti, sicuramente un antivirus da avere.

DU Antivirus – App Lock Free: il più accessibile

Link: Scarica DU Antivirus

du-antivirus

Questo secondo antivirus non compare nella guida di Tom’s Guide, ma in quella di AVTest ottiene un punteggio altissimo sia come utilizzo che come sicurezza, uguale ai punteggi ottenuti dall’antivirus BitDefense: insomma, è un’altra applicazione da prendere in considerazione.

Le differenze che saltano subito all’occhio rispetto all’altro antivirus sono principalmente due: la prima è che questo antivirus è disponibile unicamente in lingua inglese, mentre la seconda è che in questo caso non si paga mai, e non c’è possibilità di pagare: ci sono le pubblicità all’interno dell’applicazione, che non si possono togliere in nessun modo. In questo modo usarlo risulta più fastidioso, ma è possibile utilizzarlo anche da chi non vuole sottoscrivere un abbonamento, sopportando gli annunci.

Per la sicurezza, come prima, dobbiamo fidarci dei test degli esperti, ed anche in questo caso le minacce sono state riconosciute tutte nei test di AVTest, cosa che ha fatto ottenere all’applicazione il punteggio massimo.

Una delle cose più utili, anche se qui le scansioni non partono da sole, è la possibilità di avere accesso immediatamente, all’apertura dell’applicazione, alla funzione di scansione, scansione che è particolarmente veloce e non fa perdere inutilmente tempo nell’utilizzo del telefono. La scansione possiamo effettuarla quando vogliamo, ma verremo avvertiti tramite notifica all’installazione di una nuova app, o al suo aggiornamento, così da poter scegliere ogni volta (in base a dove l’abbiamo presa…) se effettuare la scansione, toccando direttamente la notifica, o lasciar perdere. Interessante anche la possibilità di scansionare solamente alcuni contenuti: se un’app ci sembra sospetta si può scansionare solo quella, se temiamo per qualche file si può scansionare una cartella ben precisa del telefono o della SD, e così via. In questo modo si evita di perdere tempo concentrandoci direttamente sul problema.

Una funzione utile, che non abbiamo trovato in BitDefender, è la possibilità di scoprire se, eventualmente, qualcuno sta rubando la nostra rete Wi-Fi. Si tratta di una cosa utile, visto che non tutti i pericoli informatici arrivano dai virus o dai trojan, ma anche (e soprattutto) dalla rete; solitamente le reti Wi-Fi hanno una password, per cui di solito si può stare tranquilli, ma qualcuno potrebbe violare questa password: noi verremo avvertiti con una notifica, se questo dovesse accadere, così da cambiare immediatamente password ed evitare, ad esempio, di inserire password ed effettuare transazioni di denaro fin quando il problema non sarà risolto.

Possibile, anche in questo caso, mettere una password all’ingresso delle applicazioni, scattare una foto a chi sbagliasse ad inserirla e sapere quindi chi possa essere il colpevole. Gradevole aggiunta la possibilità di proteggere non solo le singole applicazioni, ma anche le cartelle con le fotografie, anche specifiche; ad esempio, si possono bloccare solo le cartelle con le foto dei documenti di lavoro o molto riservate, per impedire che altri possano vedere quelle immagini. Oltre a sapere chi è lo spione che ci ha provato.

Inoltre, altra funzione di sicurezza molto utile è la possibilità di attivare una protezione supplementare per criptare la navigazione nel caso dovessimo entrare su siti web particolarmente sensibili, specialmente quelli delle banche. Attivando questa funzione, anche se qualcuno dovesse spiarci sarà impossibile che riesca a reperire i nostri dati, per cui navigheremo in totale sicurezza.

Le funzioni sono diverse rispetto a quelle proposte dall’app BitDefender, ma in generale sono più utili, specialmente per chi utilizza lo smartphone per motivi di svago, più che per motivi professionali. Il fatto che, poi, sia completamente gratuito, lo rende particolarmente accessibile a tutti.

Kaspersky Antivirus & Security: il più versatile

Link: Scarica Antivirus Kaspersky

kaspersky

 

Il terzo antivirus che prendiamo in considerazione è l’antivirus Kaspersky. Si tratta di un software antivirus che la guida AVTest mette al pari degli altri, con il massimo punteggio sia alla sicurezza che all’usabilità, mentre Tom’s Guide definisce “il miglior antivirus per più device”, cioè ne traggono particolare vantaggio gli utenti che lo usano su più dispositivi differenti, da Android a Windows, passando per il Mac.

Il sistema di pagamento per questo antivirus funziona in questo modo: esistono una versione free e una versione premium. Quest’ultima viene attivata di default a tutti appena si scarica l’applicazione, e così rimane per 30 giorni. Al termine di questo periodo è possibile cominciare a pagare, per avere ancora la versione premium, oppure smettere di pagare e continuare ad usare l’antivirus, ma in versione free. In questo caso verranno bloccate alcune funzioni, che sono:

  • la scansione in tempo reale dopo l’installazione delle app
  • la funzione che permette di decidere cosa gli altri possono vedere o no se prendono in mano il nostro telefono
  • la segnalazione del phishing.

Tutte le altre funzioni rimangono attive anche in versione free.

Tra queste, la prima è quella relativa (ovviamente) all’Antivirus, che è in grado, stando ai test, di rilevare tutte le minacce che possono derivare dal web. Anche in questo caso è possibile effettuare una scansione sia manualmente che automaticamente dopo l’installazione di un’applicazione; quest’ultima funzionalità è attiva di default, solamente nella versione premium. Se vengono individuati file malvagi questi vengono bloccati e con essi i link su cui sarebbe possibile cliccare e avere effetti spiacevoli.

Le funzioni aggiuntive sono invece più limitate rispetto agli altri antivirus che abbiamo avuto modo di vedere: una di queste permette di localizzare il telefono smarrito, ma oltre a questo permette anche di fare una serie di azioni direttamente da remoto, sfruttando un sito web dedicato messo a disposizione da Kaspersky. Sarà infatti possibile far suonare il telefono per capire dov’è, bloccare il telefono, cancellare alcune informazioni (non tutte come BitDefender) che sono i messaggi (SMS), tutte le fotografie e tutti i video (non è il massimo per chi magari conserva documenti importanti sullo smartphone) e scattare foto alla persona che sta usando il telefono, che ci vengono inviate direttamente via internet, il che è una cosa utilissima perché potremo immediatamente sapere chi è stato a prendere lo smartphone, o comunque rintracciare la persona che ha rubato il telefono.

Altra funzione molto utile è quella di nascondere del tutto alcuni dati, come alcuni messaggi, foto o video, da chi prende il telefono; se con altri antivirus i dati vengono bloccati, in questo caso vengono direttamente nascosti, cioè il telefono si comporta come se non ci fossero, a meno che noi attiviamo la visualizzazione direttamente dall’antivirus: una funzione davvero comoda se abbiamo dati sensibili.

Infine, un’altra feature che rimane anche nella versione free, è quella della blacklist: visto che gli smartphone sono ancora dei telefoni (ancora), è utile poter bloccare alcuni mittenti che inviano insistentemente SMS o effettuano chiamate: se attiviamo questa funzione sarà l’antivirus a bloccarle per noi, evitandoci così diversi fastidi e, nei casi più gravi, anche lo stalking.

L’antivirus Kaspersky è sicuramente un antivirus versatile tra quelli disponibili per Android, sia per le funzioni che sono molto varie e tutte molto utili, sia per la possibilità di scegliere se pagare e usare una versione completa o non pagare continuando quindi ad usare una versione limitata.

La scelta, naturalmente, è la nostra, ma tra tutti gli antivirus che abbiamo provato, a livello di funzioni, è quello che si adatta a più situazioni diverse, ed è utile a chi usa il telefono “un po’ per questo, un po’ per quello”, senza avere un utilizzo unico del dispositivo.

Avast Mobile Security & Antivirus: il più sicuro sul Web

Link: Scarica Antivirus Avast Mobile Security

avast

 

Parliamo poi dell’antivirus di Avast. In realtà ne avevamo già parlato sulle nostre pagine, all’incirca un anno fa, perché la guida di Tom’s Guide lo considerava il migliore tra gli antivirus disponibili per Android. Questo primato viene ripreso anche per il 2016, ma l’altro servizio a cui ci siamo affidati, AVTest, da un punteggio leggermente inferiore rispetto a quello degli antivirus che abbiamo visto prima: infatti mentre il punteggio è massimo per l’utilizzabilità, è di 4/5 per la sicurezza, e questo significa che nei loro test non è riuscito a riconoscere tutte le minacce che gli sono state proposte.

Naturalmente, se c’è una differenza tra le due guide significa che comunque la protezione è molto alta, e che gli sono state sottoposte minacce davvero particolari; in ogni caso, è una piccola pecca da tenere in considerazione nella scelta, che però non è determinante: infatti, a nostro avviso Avast dovrebbe essere scelto da tutti quegli utenti che fanno della sicurezza Web una priorità, e che vogliono evitare la presenza di programmi che potrebbero interferire con la loro privacy.

Dal lato antivirus, in ogni caso, si tratta di un’app davvero ben realizzata perché la scansione può essere sia manuale che automatica, ma quest’ultima viene effettuata solo al primo utilizzo, e non successivamente, così da non sovraccaricare il sistema; questo è utile specialmente per i cellulari più datati, che non hanno la possibilità di sopportare, senza bloccarsi, scansioni continue e troppo frequenti.

Naturalmente, questa non è l’unica funzione che contraddistingue Avast: tra le altre, infatti, troviamo la gestione delle autorizzazioni delle app, che possono essere modificate dopo il download (vi capita mai di chiedervi perché una fotocamera richieda l’accesso all’account Google? Ecco, con quest’app potrete toglierlo), e poi la protezione sul web, che permette di analizzare i link che si trovano nelle pagine e verificare se portassero ad elementi dannosi per lo smartphone.

Funzione utile è anche quella della correzione automatica dei link digitati, così da evitare che magari, invece che su Google, finiamo su Googie che magari è un sito pieno di codici dannosi per il nostro smartphone.

Infine, Avast ci da la possibilità di verificare la sicurezza delle reti Wi-Fi su cui ci troviamo, capendo qual è il livello di protezione e dicendoci così se è il caso di effettuare azioni sensibili (come pagare online) o se è meglio evitare ed aspettare di essere sotto una rete più sicura.

Avast è gratuito fin dall’inizio, ma se paghiamo un microabbonamento sarà possibile accedere a tre funzioni Premium che sono la rimozione delle pubblicità, il blocco delle applicazioni con un PIN che abbiamo visto negli altri antivirus, e il supporto diretto Avast, qualora necessitassimo di informazioni riguardo alla nostra sicurezza.

Nel complesso, quindi, Avast è veramente un’app di ottimo livello, e anche se non ha superato tutti i test di riconoscimento dei malware ci sentiamo comunque di consigliarla a tutti gli utenti che usano molto internet e che sono soliti compiere operazioni sensibili, come consultare l’Home Banking e mettere online dati molto personali.

Norton Antivirus e Sicurezza: il migliore per l’uso professionale

Link: Scarica Norton Antivirus

norton-antivirus

 

Chi ha avuto un computer, in passato, con Windows 98 o 95, non può non conoscere questo nome, Norton. Anni fa era la società antivirus per eccellenza, anche se negli anni è stata eguagliata dalla concorrenza, se non superata come funzionalità. E’ interessante sapere che ne esiste anche una versione per Android.

L’antivirus Norton non compare nella Tom’s Guide, mentre AVTest ci fa sapere che ha ottenuto il massimo in entrambi i punteggi di sicurezza ed usabilità. Si tratta però di un antivirus che permette di avere varie funzioni avanzate, ma nonostante i primi giorni la prova sia gratuita nel momento in cui si inizia a pagare l’abbonamento annuale il costo è molto alto: insomma, la sicurezza c’è, ma si paga. In alternativa si può proseguire con la versione free che, però, è molto più limitata rispetto alla controparte premium.

Essenzialmente, infatti, la versione gratuita fa solo da antivirus, che ci permette di fare le scansioni manuali al telefono, in linea con quanto fanno anche altri antivirus.

Inoltre mette a disposizione una funzionalità interessante che è quella di bloccare il telefono con un SMS: inviando al nostro stesso telefono (nel caso sia stato rubato) un certo SMS, con un codice che ci verrà dato dall’app e che dovremo segnare (ad esempio, su un foglio di carta da tenere nel portafoglio) potremo mandare da qualsiasi cellulare, anche da quello di un collega, un SMS al nostro per bloccarlo fin quando non inseriremo nuovamente quel codice. Il che è un ottimo modo per impedire ad estranei di accedere ai nostri dati personali.

Le funzionalità della versione premium, invece, sono molte di più, e permettono di analizzare una serie di parametri utili, come:

  • Nella scansione per i virus e i malware, vengono anche cercate le cause qualora un’app consumasse troppa batteria;
  • E’ possibile cancellare tutti i dati dal sito Norton nel caso il cellulare venisse rubato;
  • E’ possibile localizzare su una mappa la posizione dello smartphone rubato;
  • Permette di fare una copia di backup dei contatti sul sito Norton così da averli a disposizione nel caso di smarrimento del telefono;
  • Il telefono può essere bloccato in caso di rimozione di SIM;
  • E’ possibile monitorare, da un dispositivo con installato Norton, la posizione di tutti gli altri dispositivi che lo hanno installato.

Le funzioni, insomma, non mancano e soprattutto sono molto diverse rispetto a quelle che ci hanno proposto gli altri antivirus.

Tuttavia ci sentiamo di consigliarlo solamente ad un’utenza professionale, perché l’antivirus trae il massimo dall’essere installato su più di un dispositivo, per il monitoraggio simultaneo di tutti gli altri; il costo un po’ eccessivo dell’abbonamento scoraggia inoltre gli utenti comuni a stipularlo (anche perché ci sono delle ottime alternative meno costose) e per questo motivo, nonostante sia un ottimo antivirus, forse è un po’ troppo per chi cerca un prodotto solo in grado di difendere lo smartphone dai virus e dai malware durante la navigazione web.

 

Leave a Reply