Facebook su Android ha raccolto i dati della cronologia chiamate

Facebook per anni su Android ha raccolto i dati della cronologia chiamate. Una scelta che molti hanno giudicato inquietante, soprattutto alla luce dello scandalo Cambridge Analytica, che ha portato molti utenti del social network ad interrogarsi sulle questioni della sicurezza e della privacy.
facebook

Proprio in seguito allo scandalo Cambridge Analytica, alcuni utenti di Facebook che utilizzavano il social attraverso l’applicazione Android hanno scaricato i dati personali. Analizzando tutti i file, alcuni utenti hanno scoperto una vera e propria raccolta della cronologia delle chiamate.

Inoltre sono emerse alcune informazioni personali che riguardano gli SMS, in particolare numeri e orari. Sembra essere rimasto riservato, invece, il contenuto dei messaggi. Alcuni utenti di Facebook per Android hanno trovato che la raccolta dei loro dati personali riguarderebbe tutti i contatti.

Per altri, al contrario, la vicenda avrebbe avuto meno risvolti, perché sarebbero stati immagazzinati soltanto i dati relativi a contatti più stretti.

Secondo gli esperti, Facebook agirebbe in questo modo soprattutto sfruttando Messenger. L’obiettivo sarebbe quello di utilizzare le informazioni per migliorare l’algoritmo e consentire un’interazione più ragionata e più proficua con gli amici virtuali.

È chiaro però che molti si aspettavano un chiarimento più preciso da parte dell’azienda a capo del noto social network. Facebook è intervenuto sulla questione dichiarando che il contenuto degli SMS e delle chiamate non è stato mai memorizzato e neanche venduto a terze parti.

Inoltre ha chiarito che queste informazioni sono state raccolte con Facebook Lite e Messenger, richiedendo esplicitamente in maniera preventiva il consenso degli utenti delle applicazioni.