Android: dal 2013 addio a CupCake

Cupcake, il firmware di Android che ha realmente contribuito alla diffusione del sistema operativo di Google sui dispositivi mobili, verrà ufficialmente abbandonato. L’inizio del 2013 coincide infatti con la fine di questa distribuzione, addirittura due anni dopo il suo lancio. Era infatti il 2 dicembre 2011 quando Gingerbread riuscì a ottenere più del 50% delle quota di mercato dei sistemi operativi Android attualmente attivi.

Android Cupcake

Solamente un anno dopo, alla fine del 2012, Android 2.3 è tornato sotto al 50% delle distribuzioni Android utilizzate, favorendo l’ascesa di tutte le altre più recenti. Al momento Gingerbread misura il 47.4% delle quote di utilizzo dei dispositivi Android, seguito da Android 4.0 con il 30% di utilizzo e da Android 4.1 con oltre il 10%.

Nonostante Gingerbread non verrà più preso in considerazione per le statistiche del 2013, resta comunque il sistema operativo di Google più utilizzato in assoluto, anche considerando Android Ice Cream Sandwich e Android Jelly Beam come un’unica soluzione (47.4% contro il 40% di ICS + JB).

La decisione di dismettere il vecchio sistema operativo è stata presa con ovvie motivazioni. Già Gingerbread, seppur un ottimo firmware, non può più competere con quelli più recenti per motivi di sicurezza e funzionalità. E dato che i nuovi firmware stanno crescendo molto velocemente, grazie anche ai nuovi dispositivi che li implementano, secondo Google è più giusto guardare al futuro e dare un taglio netto col passato.

Leave a Reply